sebina, you, sebinayou, opac, catalogo, servizi, biblioteca, utente, BinP, Polo regionale del Veneto, Treviso, Belluno, Venezia

Derrida e Artaud : decostruzione e teatro della crudeltà

Berta, Luca

2003

Abstract
Derrida legge Artaud, cioh innesta il testo decostruttivo su quello del teatro della crudelt`, che perr ha sempre rifiutato di costituirsi come semplice testo. E in questa lettura paradossale la decostruzione rintraccia nel pensiero di Artaud quelle stesse strategie retoriche e configurazioni concettuali che essa intendeva praticare: il rovesciamento delle opposizioni, il doppio, l'impossibile, ecc. Nel sogno artaudiano di un teatro senza rappresentazione si dispiega il potenziale decostruttivo nei confronti del teatro e della cultura occidentali, che vivono inconsapevolmente nella differenza. Artaud bandisce la scrittura dal teatro della crudelt`, salvo poi reintrodurla surrettiziamente, e su questo movimento interviene Derrida per aprire la scena della scrittura. Scena invisibile ma potente, in cui il teatro e la filosofia si scoprono inscritte ogni volta che rivendicano la loro presunta purezza.
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Chi ha letto questo ha letto anche...
  • Commenti
VIAWA@VENEZIA MESTRE Biblioteca civica VEZ

Biblioteca selezionata:

VENEZIA MESTRE Biblioteca civica VEZ

Copie per prestito: 1 Disponibili: 1

Documento disponibile

Inventario
CIV 105750
Collocazione
DEP VEZ 12 B 300