sebina, you, sebinayou, opac, catalogo, servizi, biblioteca, utente, BinP, Polo regionale del Veneto, Treviso, Belluno, Venezia

Paradisi artificiali : del vino e dell'hashish. il poema dell'hashish, un mangiatore d'oppio

Baudelaire, Charles

1996

Abstract
Nell'esperienza creativa ed esistenziale di Baudelaire il consumo di sostanze stupefacenti ha rivestito un ruolo fondamentale, essenzialmente estetico: lontano da qualsiasi genere di moralismo, Baudelaire considera l'ebrezza artificiale indotta dalle droghe (di cui peraltro condanna l'abuso) una via privilegiata per fecondare il processo creativo. Ma nello stesso tempo vive come lacerante il dissidio tra il richiamo del peccato e l'aspirazione a salire verso l'altro, cercando dolorosamente di estrarre dal male la bellezza.
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Commenti
VIAMV@MARENO DI PIAVE Biblioteca comunale

Biblioteca selezionata:

MARENO DI PIAVE Biblioteca comunale