sebina, you, sebinayou, opac, catalogo, servizi, biblioteca, utente, BinP, Polo regionale del Veneto, Treviso, Belluno, Venezia

Patrimonio Digitale del Polo

Si tratta di risorse come fotografie, stampe, manifesti, ritratti, mappe e altro, appartenenti a biblioteche che hanno avviato specifici progetti di digitalizzazione del patrimonio. 

 

 

  Fondo fotografico Tapparo & Trentin - Biblioteca civica Bertoliana

La bibliografia raccoglie tutto il materiale fotografico conservato presso la Biblioteca civica Bertoliana prodotto dallo Studio fotografico Tapparo & Trentin tra gli anni 1960 e 1994. Nella sua più che trentennale attività, lo studio si specializzò nella fotografia documentaria del patrimonio storico-artistico della città di Vicenza e del territorio provinciale. L'intero fondo consta di più di 40.000 documenti, in gran parte lastre di vetro.  

 

  

  Manifesti politici del fondo Mario Giulianati - Biblioteca civica Bertoliana

La bibliografia raccoglie tutti i manifesti politici conservati presso la Biblioteca civica Bertoliana e donati alla biblioteca stessa da Mario Giulianati. Il fondo è costituito d circa 2000 manifesti politici italiani e stranieri prodotti tra gli anni 1963 e 1998.

 

   

  Fondo fotografico storico - Biblioteca comunale di Treviso

Il Fondo fotografico storico della Biblioteca comunale di Treviso è composto da oltre 5600 esemplari fotografici. Si tratta prevalentemente di stampe all’albumina, alcune lastre e un certo numero di stampe baritate. Il nucleo centrale del fondo è costituito infatti da originali ottocenteschi. E’ possibile trovare un’ampia varietà di carte-de-visite con ritratti di trevigiani illustri, album con foto di famiglia, scorci cittadini e alcuni paesaggi. Di notevole interesse è soprattutto l’ampia sezione di fotografie dello Studio fotografico Ferretto fondato a Treviso da Giuseppe Ferretto (1826-1873) e mantenuto in attività dai figli Pietro e Giovanni e da collaboratori fino al 1921.

 

  

  Fondo Beniamino Dal Fabbro - Biblioteca civica di Belluno

Beniamino Dal Fabbro (1910-1989), poeta, scrittore, giornalista, critico di musica, letteratura e d’arte, traduttore, pittore, e musicista dispose per testamento che tutto l’archivio personale comprendente libri, corrispondenza, giornali, riviste, articoli, programmi musicali, edizioni musicali, libretti d’opera, fotografie e oggetti vari, fosse destinato alla sua compagna di vita Gigliola Beratto. Il Fondo è comprensivo di: N. 2905 volumi, n. 3700 spogli di articoli e ritagli di giornale, n. 225 fotografie, n. 413 programmi musicali, n. 603 edizioni musicali, n. 200 libretti d’opera, n. 360 manoscritti (relativi alla raccolta dell’epistolario), n. 65 cd musicali e n. 2 taccuini di viaggio, n. 29 dipinti, n. 162 disegni, n. 437 veline del cosiddetto ‘copialettere’, n. 250 cartoline e n. 77 fotografie e diversi oggetti personali.
Tra il 2005 e il 2010 la gran parte di questi materiali sono stati inventariati e catalogati nel Servizio Bibliotecario Nazionale.

 

  

  Fondo Vittorio Varale - Biblioteca civica di Belluno

Vittorio Varale (1891-1973), giornalista sportivo, dispose per testamento che tutto l’archivio personale comprendente corrispondenza, giornali, riviste, fotografie e libri, fosse destinato e trasportato, dopo la sua morte, dalla propria casa di Bordighera alla sezione del Club Alpino Italiano di Belluno. Al Cai di Belluno si era infatti particolarmente legato nei suoi ultimi anni, stringendo amicizie importanti e dimostrando particolare stima all’allora presidente Piero Rossi. Il sodalizio bellunese, impossibilitato a gestire la notevole mole del lascito, decise di affidarlo al Comune di Belluno che, con deliberazione del 7 maggio 1976, ne prese carico disponendo per il deposito presso la Biblioteca Civica a cui ne affidò la gestione.

 

  

  Archivio fotografico ISTRESCO - Biblioteca ISTRESCO di Treviso

L'archivio fotografico dell'Istresco si compone di una parte tradizionale, denominata "Fototeca", che comprende circa 5000 esemplari tra stampe e negativi che riguardano in particolare il movimento di Liberazione nel Trevigiano, fatti e volti di vicende pubbliche locali e alcuni dei momenti importanti per la storia e l’attività dell’Istituto. La Fototeca è tuttora in fase di trattamento.

 

 

  Fondo fotografico Elio Migliorini - Biblioteca Museo etnografico della Provincia di Belluno e del Parco nazionale Dolomiti Bellunesi di Seravella

Il Fondo, conservato presso il Museo Etnografico della Provincia di Belluno e del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi di Seravella (Cesiomaggiore), è stato donato dal geografo Elio Migliorini (1902-1988) e comprende poco meno di tremila documenti fotografici tra negativi, diapositive, stampe originali e riproduzioni che Migliorini stesso ha scattato prevalentemente nelle vallate bellunesi per documentare e studiare le peculiarità dell’architettura rurale, per metterla in relazione con le condizioni sociali e i mutamenti culturali che la montagna stava giù subendo in quei decenni e per evidenziare come i diversi tipi di agricoltura e la morfologia del territorio influenzassero sulle soluzioni architettoniche spontanee degli abitanti.